Membrane filtranti 

Membrane filtranti

Membrane sterili o non sterili, bianche o nere, reticolate o semplici. Molteplici materiali disponibili. Sterili: confezione singola in peel-pouch, scadenza 3 anni dalla produzione. Non sterili: confezione bulk senza data di scadenza
Scheda informativa

Sotto-categorie

Membrane filtranti per dispenser

Membrane a nastro, bianche o nere, reticolate, sterili in peel-pouch. Porosità 0,22, 0,45 o 0,80 μm, diametro 47 o 50 mm.
DISTRIBUZIONE ESCLUSIVA

Esteri misti di cellulosa (MCE)

Mix di nitrato e acetato di cellulosa. Idrofilo, biologicalmente inerte. Le membrane reticolate hanno linee ben definite e distanziate di 3,1 mm. Inchiostro atossico e privo di inibenti. Applicazioni: analisi microbiologiche, chiarificazione e sterilizzazione di soluzioni acquose, rimozione particellare, microdialisi di DNA e proteine, saggi di fluorescenza, monitoraggio particellare anche dell'aria

NY (Nylon)

Materiale idrofilo, adatto a soluzioni acquose e per l'utilizzo in HPLC. Mantiene la propria struttura nelle normali condizioni di filtrazione, eliminando la necessità di utilizzare soluzioni umidificanti. Autoclavabili a 135°C. Applicazioni: rimozione batterica e particellare, filtrazione di soluzioni acquose e solventi organici

PP (Polipropilene)

Materiale idrofobico, biologicamente e chimicamente inerte. Utilizzato per la preparazione di campioni per HPLC, filtrazioni sterilizzanti e chiarificazione di solventi organici. Ampia compatibilità chimica. Applicazioni: filtrazione di solventi acquosi e organici, filtrazione di soluzioni con bassi livelli proteici

PES (Polietersulfone)

Materiale idrofilo, compatibile con solventi organici. La struttura dei pori è altamente asimmetrica, il che offre una elevata capacità di trattenere le particelle. Di conseguenza si hanno un'elevata velocità di flusso e un elevato rendimento. Applicazioni: filtrazione di acqua, reagenti chimici, liquidi ad alta temperatura, sostanze biologiche o farmaceutiche

PVDF (Polivinildenfluoruro)

Materiale idrofobico, non umettabile. Permette il passaggio di aria umida o altri gas, persino quando il differenziale di pressione è molto lieve. Applicazioni: purificazione di fluidi

PTFE (Teflon) Idrofobico

Materiale compatibile con solventi aggressivi (acidi e basi), con basso livello di estraibili. Utilizzato per la filtrazione di solventi, nell’HPLC e nelle prefiltrazioni. Applicazioni: filtrazione di acidi forti e soluzioni aggressive, separazioni di fase, campionamento di aerosol

PTFE (Teflon) Idrofilico

Materiale compatibile con solventi aggressivi (basi), con basso livello di estraibili. Utilizzato per la filtrazione di solventi, nell’HPLC e nelle prefiltrazioni. Applicazioni: filtrazione soluzioni aggressive, separazioni di fase, campionamento di aerosol

CA (Cellulosa Acetato)

Materiale idrofilo, offre la più bassa ritenzione proteica disponibile. Elevata efficienza e minori consumi quando si filtrano soluzioni proteiche. Molto resistente: ideale per soluzioni acquose anche molto alcoliche e se il recupero delle proteine è cruciale. Applicazioni: filtrazione e sterilizzazione soluzioni proteiche ed enzimatiche, sterilizzazione a freddo, diagnostica citologica, sterilizzazione terreni per coltura cellulare

Su